la gigantesca scritta LOAL

in un mondo perfetto i Sepultura si sarebbero sciolti e avrebbero fatto uscire Roots postumo. Così non è stato. Credo di aver già fatto un racconto in linea di massima di quello che è successo dopo, non che fossero cose avvenute nell’oscurità, ma suppongo che se Max Cavalera non fosse mai uscito dalla formazione la qualità dei loro dischi non sarebbe molto migliore. È abbastanza sorprendente, tuttavia, il fatto che l’ultimo disco dei Sepultura sia -in un’ottica piuttosto limitata e priva di prospettive temporali di medio periodo- un buon disco. Quantomeno, forse per la prima volta, più un disco di un gruppo nuovo che il disco di una cover band dei Sepultura che prova a buttar fuori pezzi decenti alla Sepultura con scarsissimo successo.

L’unico problema sono le cover. A parte una terribile rendition di Just One Fix a metà disco, tra le bonus track è possibile trovare nientemeno che una versione aggro di Firestarter. La quale, sia ideologicamente che musicalmente, vola tranquilla nella top ten delle cose peggiori fatte dai Sepultura post-split. Buon fine settimana.

3 pensieri su “la gigantesca scritta LOAL

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...