quattro minuti: DEPECHE MODE – DELTA MACHINE (Mute)

dmdm

VIA

Musicalmente somiglia un po’ alle volte che sei a casa e inizi a grattarti la narice con un fazzolettino perché ti prude, poi senti che il caccherino non viene e togli il fazzolettino e inizi a grattare timidamente col dito ma ancora la caccola non esce e quindi cambi dito e infili l’anulare che ha l’unghia più lunga, poi inizi a grattare con serietà e dedizione mentre la testa inizia a viaggiare su certe fantasie sessuali e l’unghia scalfisce appena la superficie. Poi trovi finalmente riesci a localizzare il gnocchetto preciso che prude e ti concentri su quel singolo punto e vai avanti per altri cinque minuti, ma prima o poi il tempo libero a tua disposizione si esaurisce e devi iniziare a grattare seriamente per toglierlo in via definitiva (scoprendo che magari è una piccola escrescenza e squartando la narice dall’interno, e così proverai dolore e fastidio amaro per tutto il giorno) oppure arrenderti e lasciarlo stare dov’è fino a quando il prurito non sarà eccessivo e dovrai ricominciare per altri quindici o venti minuti. Di per sé è senza dubbio tempo speso bene, ma il grado di frustrazione è altissimo e devi essere sicuro che nessuno ti guardi mentre lo fai perché qualcuno trova simpatici persino i neofascisti ma nessuno vuole avere intorno gente che si scaccola abitualmente in pubblico. Non so esattamente quali pezzi siano scritti

STOP

Un pensiero su “quattro minuti: DEPECHE MODE – DELTA MACHINE (Mute)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...