DIME CAN MA NO ITALIAN SPECIALE PRIMARIE: INFOGRAFICHE DA BAR E OMBRETTA

Se sà che ea xente veneta e non solo ghe piase informarse sue robe, essere sul toco, dire qualcossa per bilanciare el peso del goto in man. Quindi che ecco grassie ai potenti mexi tecnologici e statistici messi a disposion dala redassion de Bastonate xè possibile creare, mediante intervista de un campione de xente ciapà a ocio in te un paro de circoli arci e bar onti*, le preferense prima politiche e dopo musicali, arivando a delineare una de chee robe inutili ma che podria importare a qualcun tipo el oroscopo de bresni.

INFOGRAFICA A CASO

*campione fittizio, fascia d’età fittizia, posizionamento con margine d’errore. Podria essere vero ninte.

DIME CAN MA NO ITALIAN: HAI PAURA DEL RUJO? OVVERO UN FIA’ DE FESTIVAL VISTI IN VENETO ST’ESTATE E EL CARTEO DELL’HOME FESTIVAL CHE FA RIDERE

home-festival-1024x716

D’istà, o meio da Maggio a Ottobre, non so biologicamente progettà per vardare xente ca sona al chiuso perchè sudo e soffro el caldo come na merda. No, non come tuti: pexo de tuti. L’ultima roba al chiuso che ho visto xè stà i Liars all’Interzona e me ricordo solo ca pioveva, ghiera xente con le maneghe lunghe e mi iero sudà marso lo stesso. Non me ricordo gnan quando che iera, forse Maggio, non lo so. Comunque la roba meio del caldo xè che se gira per festival all’aperto (quasi tutti a Padova e dintorni, almeno per st’ano) pieni de sansae e bire slungà con l’acqua scolà delle pegnate pena lavà, che xè sempre beo o quasi. Ecco i posti dove ca so stà e quei dove che non so ndà o non ndarò mai:

MACELLO A PADOVA: ghe so stà a vedere i Gasebo Penguins, bel posto, bel cartellone, bea xente (se non i fosse padovani saria meio), ho visto anche dea gioventù assistere ai concerti, na roba ormai quasi impensabile. Miglior bagno in assoluto, nettamente de sora la media dei cessi da concerto. Boni anche i gin lemon, pressi giusti. Eviva. VOTO 7.5

EL SHERWOOD A PADOVA, EL GIORNO DEA PREVIU’ DEL RADAR FESTIVAL: che la sera lì iera in programma M+A, Civil Civic e Dumbo Gets Mad. Ghe so ndà palesemente per i secondi, me piase anche i primi, i Dumbo non i me piaxe e non li go visti perchè iero drio magnare na pissa al limite dell’embolia polmonare. El posto del Sherwood, par mi, xè sempre atroce. Situassion sbaià, un mucio de vuncioni coi can e coi frisbi, però ghiera el campo da basket e se magnava de tuto e ben. Tanta xente che se fa el culo, acustica sotto el tendon un fià de merda però xe ben lo stesso. Peggior bancherele da festival. Carteon e gruppi complessivamente beo. Dai ca ndemo. VOTO 6.5

ZOOM ZOOM A NOVENTA PADOVANA: xè do tre anni che ghe vago (non so onestamente da quando che i lo fassa) e xè sempre na gioia a liveo de gruppi. Gli anni scorsi ghe go visto el primissimo concerto in veneto dei gasebi, i Fine Before You Came, forse i Derozer ma go paura de sbaiarme posto. St’anno so ndà vedere n’altra volta i Disquited By che i verseva a n’altra band che però faseva ULTRAVOMITARE (non me ricordo come che se i ciamava, The intelligence o na roba del genere). Disquited By straboni come sempre, el resto del carteo del festival iera praticamente el catalogo de To lose la Track e quindi roba bea e bona da vedare. El posto xè un mucio beo, se magnaria anca ben ma mi e el me amigo BAINE emo spetà do hamburger del casso qualcossa come un’ora e passa, però el tipo alla cassa el gera mina massa sveio e el na fato un conto con dei schei in manco, quindi xè ben cussì. Biasteme d’eccezione per la bira che là fa veramente cagare: fioi ve prego cambiè bira o registrè le spine. VOTO 7.9

EL RADAR FESTIVAL: ghe so ndà fin do giorni, record. Na volta avedere i SUUNS e Machweo, n’altra volta a vedere gli Esperanza. Indice de hipsteraggio fora parametro, cessi chimici d’assalto, cusina affidabile solo quando te vedevi uno con la pansa e non na turma de fighine coi tatuaggi: alla morosa ghè toccà la peggior piadina dea storia, ma le piadine in veneto xè sempre el rischio piu grande. Mension d’onore per la trovata delle sdraio su cui morire e per la distro de vinili con pressi onesti e tipo molto affabile e informà: me so comprà el vinile dei Daniel Striped Tiger e dei Father Murphy. Solo per la bea distro voto sicuramente positivo. Se beveva ben e gran ocio per i gruppi da ciamare. VOTO 6.6–

EA ROBA DEL SO!LOVE A SOTTOMARINA AL POINT BREAK, EL SONA!: non xè proprio un festival classico, xè più come dire, na roba periodica che dura circa tutta l’istà con xente che sona, feste a tema e robe cussì. Organisa SO!LOVE che xè un eminensa femminile multicolore (no un’eminensa grigia che no xè staion) e multitasking de Cosebelle, Rockit e altro. El posto xè beo, se riempie subito, ghe xè sempre pien e ghè dei mojiti che sbanca tuto. So capità personalmente na volta sola coi, dio fà, Dumbo gets Mad. Non go scoltà niente però me so godesto la situassion de festa in spiaia mista a concerto mista a festa dele medie con le minorenni imbriaghe che girava in tel parchegio. Promossissimi e forse l’unica roba de sto tipo a non farme soffrir de agorafobia. VOTO 7

El rimpianto estivo più grande xè stà no essere ndà a vedere gli Eyehategod al MAV a Camposampiero a Ferragosto, però giuro, ho pensà fin all’ultimo che forse na finta, un scherso o na gag. Invesse i ghiera davvero e l’è stà, forse, l’ultima data con LaCaze alla batteria visto che in diversi i dise che el sia morto. Non so se sia ufficiale, o se sia stà ulteriormente confermà, in ogni caso mancarone. Ma forse Camposampiero porta un fià pegola, non savaria dire.

Mension al LOL finale per el carteon dell’Home Festival de Treviso che xè al tempo stesso na macchina del tempo per roba morta in tel domila, De Gregori ca serve solo per finire in un servissio del TG Regionale e roba indi per le fighette e gli omeni col capeo e le gambe depilà. Va ben che el xe gratis, ma villione a me pare de trovarme davanti all’indice de el Negative piu che al programma de un Festival.

EA ROBA DAL VIVO CHE BISOGNA ANDAR PER FORSA DE DIME CAN MA NO ITALIAN

loc-lucertulas-definitiva

Dai lì, poco rompere i coioni, Venerdì prossimo con i me amighi de i Druidi (brava xente che femo robe in un posto dove brava xente ghe n’è poca) femo sonar i MARNERO E I LUCERTULAS, robe che se se butta via de bruto. Se a sì in giro par el Veneto a ghi da vegner per forsa. 5 Aprile, teatro Caruso, Papozze (RO).
Per l’occasion meto su dischi emo da vecchi giovani.

Se proprio a sì troppo lontani, a Milano, per dire, ndì a vedere Ogni Giorno + Action Dead Mouse all’Arci Metissage

DIME CAN MA NO ITALIAN | SPECIALE GEOGRAFIA SBAIA’: CLASSIFICHE DEL CASSO SUL ROCKIT

MA XE' MAI POSSIBILE CHE I VOTI I RIVI SEMPRE DALLA PROVINCIA BRUTTA D'iTALIA?

MA XE’ MAI POSSIBILE CHE I VOTI I RIVI SEMPRE DALLA PROVINCIA BRUTTA D’iTALIA?

Eora i me ga dito che su Rockit, el sito dove che per scoltare na roba tocca vardare el video della pubblicità dei goldoni, xè stà fatta a suffragio universale na classifica inutile sui meio dischi italiani dei ultimi 15 ani (1997-2012). Lassando perdare considerasion sul fatto che tra i primi venti ghe xè soeo dischi de Afterhours, Verdena e Teatro Dei Orori, i potenti mexi pagai dalla suddetta pubblicità dei goldoni ga permesso da raccogliere e pubblicare dati incredibili, per esempio quai xè i dischi meio secondo i abitanti de diverse città italiane. No ghe xè nisun rappresentate dal veneteo e qua me ga girà i coioni quindi bisogna porre rimedio.
Grassie alla visibilità e all’attension che Bastonate dà aea realtà veneta e grassie al nostro sponsor, le cartucce nichelate da caccia della IMBALINABEN (te poi spararne anche una e le copa tuto queo ca se move, consigliate per andare a caccia de lievri o sindacalisti) ecco la classifica dei meio dischi italiani (no solo veneti, semo xente ca ne piase anche la roba esotica) dai paesi ca cunta in Veneto.

CONTARINA (detta Porto Viro):
1) Rotten Victims (grind crust da festa de l’unità, i ga na version growl della mazurka)
2) Porto Viro is Burning in loop per 13 volte come sa fosse un disco
3) Three Second Kiss – Music Out Of Music

ARIANO NEL POLESINE:
1) Samsara – Microkiller
2) Maisie – Morte a 33 giri
3) Morkobot -MoStRo

FASANA:
1) Canadians – A Sky With No Stars
2) Ohuzaru – S/T
3) Titti Bianchi / I Bagutti a pari merito

LOREO:
1) Lento – Earthen
2) Shizune – S/T
3) Uno qualsiasi dei Raein

CAVANELLA D’ADIGE:
1) Vernice – Stefano D’Orazio
2) Dead Elephant – Lowest Shared Descent
3) OvO – Cicatrici

ROSOLINA:
1) The Secret – Solve Et Coagula
2) I camion che i passa in Romea
3) Miss Violetta Beuregarde – Evidentemente non abito a San Francisco

BELLOMBRA:
1) Claudio Lancinhouse – Hardcore for life
2) Derozer – Alla nostra Età
3) L’Odore Dell’Argento – Demo

DIME CAN MA NO ITALIAN FEAT TRUEBELIVERS: LORENSO DEL ROYAL SOUND CAFE’ A SCARDOVARI

253085_412181565514408_81066502_n

Unico rasta degno de rispetto che conosso, Lorenso el gestisse el Royal Sound Cafe’ a Scardovari (un posto che confina a est col mare, a nord con la morte, a sud col Po e a ovest con Ciosa. La provincia più visina in linea d’aria l’è Tirana). Posto in culo al mondo ma xente beissima. Go visto gli ANCIENT SKY sonare dopo aver magnà le vongole

DIME CAN, MA NO ITALIAN #6: KELVIN, WOOLTER E ALTRI EROI DE MACINADISCHI

Flash mob hardcore

Oggi parlemo de robe grassissime, enormi, storia popolare de adolescense marse, postumi de un mondo punk de livelo altissimo che el se xè evolù in qualcossa de meno punk anche se comunque de livelo alto.
Partemo con na premessa blanda sensa i soliti sensansionalismi: i Kelvin i xè praticamente el miglior gruppo veneto del millennio, a ghè un casso da fare/dire/pensare e pi che penso a dei veci concerti che ho visto in posti atroci tipo Marsango (ma co gruppi incredibili tipo Putiferio e Lucertulas) e più sento l’indice del culto che se impenna a liveli irraggiungibili.
L’ambientassion l’è Padova e provincia, la morte dell’urbanisassion e l’odore della fabbrica che brusa carogne lì poco prima de Roncaiette: el nostro benevolo e amato nord-est in tuto el so volere ben e i Kelvin i spicca per esere uno dei pochi gruppi veneti ad averghe na fia alla batteria, tal Anna, perchè fin a chel momento le donne venete del punk le iera impiegà per guidare e portare chi ca doveva sonare ai concerti e per tegnere el fumo e le cartine in borsa. Svolta storica vederghene una dedrio a na batteria de un duo math-noise sghembo e snervante come apunto i Kelvin, ma alo steso tempo na bota in testa e un calso in te la pansa de disagio, fastidio e onestà. Tute robe che se pole pretendere solo dai mejo grupi in pratica. l’altra metà del duo iera tal Walter, che el ga girà anche con un progeto solista de cui parlemo dopo e che se ciamava Woolter. Però el ga girà anche coi Putiferio, con gli Antisgammo (qua also le man, non li conosso mina, ma i ga un nome bomba) e el se pol definire una de chee eminese grigie che tira avanti ea baracca sperimentale/casinara/spacagambe dee nostre tere. I Kelvin iè sta un grande botto, a inissio 2000, per Macina Dischi che personalmente non smetarò mai de ammirare per essere riussia a scovare el mejo del mejo dei grupi veneti, na specie de SubPop de palude, ma mejo. E ripeto, mejo. El primo disco me ricordò che el me l’ha da un amigo a scuola che el iera parente de qualche altro amigo che girava intorno a Macina Dischi e ai Kelvin: CD01 l’è un capolavoro secondo solo al split fato coi John Woo (dio boie che robe) e me pare adiritura che el sia sta ristampà (e riesaurì) poco tempo fa insieme al resto dell’opera omnia dei Kelvin. Non so riussio a trovare la canson che se ciamava “Lunimattina” quindi metto queo che go catà:

Tra i risvolti interesanti ghè split fatto dai Kelvin (Walter+Anna+Volpe) e Woolter (progetto solista de Walter) del folk/noise/baracca registrà in battuta unica al volo e butà su disco. Xè vegnuo fora un miston de deghèio avanguardista de gusto e de campionature storte e roba quasi acustica, na roba avanti ancora inquò. Non a caso Walter xè uno de quei che ga registrà e mixà dischi con Giulio Ragno Favero. Questo el se poea anca SCARICARE GRATIS O SCOLTARE IN STREAMING sul sito de Macina.
Dopo aver letto tuta sta roba saria na roba assai giusta tore d’assalto lo store de Macina Dischi o sercare qualche distro che gabia ancora materiale sulle facende qua de sora.
Ansi ne approfitto: se gavì na distro e volì farve pubblictà in tei comenti fasive soto sensa problemi che mi la roba ve la compro sicuro.

DIME CAN, MA NO ITALIAN: EL DISCO NOVO DEI GODSPEED YOU BLACK EMPEROR

Tra le tante robe che rende beo e brutto allo stesso tempo el panorama del post-rock mondiale so convinto che i GYBE i gabia un ruolo fondamentale, nel senso che spesso a me cato a parlare co individui in fotta e me par d’esser drio averghe a che fa co fan dei Oasis o dei Manowar (chi in provincia xè pena rivà la voce de un disco novo dei Manowar e merita un speciale a parte, perchè in Veneto i metalari brutti -inteso che i scolta roba de merda- xè n’attrasion turistica) però no se pole gnanca dirghe niente più de tanto, perchè i me piase anca a mi e de solito xè uno de chei gruppi che nomino quando ca me cato davanti na figa brutta per tranciare ogni discorso e cavarmela de torno. El secondo gruppo che nomino xè gli Einsturzende Neubaten e quei funsiona ancora meio perchè in provincia no li conossse nisun e se fa la figura dei nazisti occultisti solo a tirar fora el nome.
Comunque la notissia della settimana ormai la sa anche el can e xè el DISCO NOVO DEI GODSPEED YOU BLACK EMPEROR che el ga el solito nome coi punti esclamativi e rimandi mistico-trascendentali: ottima però la scelta de mettere come copertina el Veneto in te lo sfondo de la barena del delta del Po.
El purista l’ha sà incomincià a rompere i coioni perchè no xè proprio UN DISCO NOVO ma na pubblicasion postuma de roba vecia e già sentì dal vivo per quei che xè ndà a vederseli tipo a Parigi co la morosa che domandava ogni quaranta secondi “Ma quando cominsiali a cantare?”.
La vera notissia xè che probabilmente el 90% de quei che i lo ga zà ascoltà, mi compreso, ià sentì un fake o na release tronca e non riussiremo mai ad ammetterlo finchè no compreremo el vinile (sì, a xè n’esclusiva su vinile quindi compreve el piatto anche marso con la testina del casso) e comunque non faria tuta sta diferensa che tanto basta sentire el violin e semo contenti anca. La seconda vera notissia xè che el purista la rotto i coioni anche per el fatto che all’inissio a ghe iera sol el vinile: prima se rompeva i coioni perchè bisogna comprare le robe solo su vinile perchè se no ti xè finto, adesso se rompe i coioni perchè ghe xè solo vinili, ma no xè vero perchè ghè anca el cd. Però se te compri el CD tiè un fià na merda e quindi el ciclo ricominsia. Basta rompere i coioni e farse seghe su seghe su robe che cunta niente.
Ah, el disco xè beo.

DIME CAN, MA NO ITALIAN #5: SHIZUNE


Si xè tornà ea rubrica più dadaista del blog dopo una lunga vacansa on the road a trebiar diversi ettari de soia e piantare i sparsi. I Shizune xè un gruppo da Lonigo, provincia de Vicensa, su cui me so promesso de no far le solite battute sui luoghi comuni del casso dei magnagatti perchè xè robe che rivà a un certo punto ià rotto i coioni, no le fà un casso ridere e po’ xente importante come Bigazzi gà perso el lavoro a parlare de ste robe.
A Lonigo ghe xo sta na volta sola a una specie de raduno Mod che pareva el matrimonio de me cugin Franco, ma sensa la porchetta taià a man e sensa el finto divertimento tipico delle peggiori occasion: ghe iera solo individui che se vardava i vestiti bevendo chinotti e parlando de Vespe, cioè na merda.
Però i Shizune no centra un casso coi mod, per fortuna, perchè i sona la solita roba scrimo che me piase a mi e soprattutto iè uno dei gruppi preferiti del me amigo Baìne (accento sulla i, ninte pronuncia inglese) che xè una delle persone meio che conosso. Poco tempo fa semo riussì a sentire solo gli ultimi do pezzardi -semo rivai in ritardo dio boie- ad un live insieme a Storm{o} (semo fan) e La Dispute (che i fa cagare) in quel de San Giuseppe.
Dei Shizune la prima roba che colpisse, e forse anche in modo terrificante, l’è la presunta nipponfilia con qualche rutto da otaku (xè quei che con la fissa del Giappone, dei manga, degli anime, dei porno coi pixel e che se veste da giapponesi-vestì-da-occidentali) però questo podaria spaventare i più, ma no mi perchè ste robe le me ciapa ben praticamente da sempre. Shizune secondo mi in giapponese vol dire “scranno, pesto” e anche se no xè vero non me ciava un casso che tanto nissun de non veneto sarà rivà a lexere fin chi e quindi posso dire queo che voio.
Disevo appunto, i Shizune spacca el culo per svariati motivi tra cui anche l’idea de mettere un pezzo cantà in giapponese sul loro ultimo disco: avanguardia totale e piena cosciensa del fatto che lo scrimo se pole cantare in tutte le lingue del mondo che tanto el messaggio de fomento arriva istesso
Dighe du schei a sti fioi e compreve el vinile, ancora meio se fi tutte e do le robe andando ai concerti che se vola coi piè per aria e no xè mai na brutta roba.

Mancarone: GERMANO MOSCONI (San Bonifacio, 1932-2012)

Stirpe dorata della blasfemia sentita e appassionata nata in seno ad un paese disseminato di abbazie e riferimenti religiosi, così come quel fiore che sboccia fulgido sotto il guard-rail dell’A4 uscita Soave-San Bonifacio. Incurante, inarrestabile, Germano Mosconi è il simbolo postumo del Veneto giusto e del giornalismo da TV locale che raccontava le prodezze dell’Hellas Verona di Bagnoli prima ancora che l’ultrà Marcone nascesse ed iniziasse a comparire nudo e col cazzo di fuori in ogni telecamera a circuito chiuso degli autogrill italiani e della digos durante le trasferte. Mai in tutta la mia vita e nelle mie frequentazioni ho incontrato qualcuno che fosse in grado di bestemmiare il Signore con un fastidio così vissuto e contagioso restituendo la giusta teatralità e cattiveria ad un gesto naturale come la blasfemìa gridata. Germano, di cui esistono solamente screenshot sgranati e di almeno vent’anni fa (come per Bisignani) ha permesso a noi veneti di rimettere la testa avanti nella classifica nazionale dell’offesa a Cristo: grazie a lui i Toscani sono solo un riflesso nello specchietto retrovisore.
Nessun remix, nessun doppiaggio, nessun fotomontaggio fatto da qualche dodicenne di Bolzano o altri posti sfigati hanno mai strappato un sorriso o restituito orgoglio come quel video originale comparso qualche tempo fa, di cui ancora io non riesco ad essere stanco. Rapidità di esecuzione, aggressività, fastidio, il flow articolato anche coi denti stretti, il riflesso sugli occhiali, il PUGNO CHIUSO E AGITATO: il Bruno Pizzul dell’offesa ai Santi tutti.
Germano no sta fare el mona, anca sa tiè morto ciapai par el colo tutti chei quatro basapile (mio padre per sms)

Germano iera l’ultimo vero scetico in tera veneta, che nonostante tute le biasteme che tiremo zò l’è piena de cesaroli infami e de personagi che el sabo sira iè a troie e la domenega i te domanda sà tiè nda a messa. Germano el gheva sempre chiaro el colpevole, el mandante occulto, l’eminensa grigia che causa l’imprevisto all’omo comune: GESU’ CRISTO e no nexuno come che i voria farne credere. E alora, a uno che te causa un imprevisto e che i ne dixe che l’esiste bisogna dirghe sù e dirghene tante e ancora de più perchè non podemo ciaparlo per el colo e darghe dei calsi in testa: el Conte Mosconi in questo iera el Corrado Augias dela biastema, uno che el podeva dirne diesemila pur mantenendo l’elegansa dell’omo onesto e posato, elegante a so modo.