Scusa se ti chiamo amore.

L’originale è uno dei miei pezzi preferiti di sempre, una specie di svuotapiste perenne che mi riempie la mente e mi disegna istantanee di fricchettoni che scopano come dei ricci in mezzo a una strada coi celerini che caricano e Martin Rev che si beve il quattordcesimo cocktail mentre la Casio fa tutto il lavoro al suo posto. La cover (ad opera di Neneh Cherry & The Thing, i secondi uno spettacoloso gruppo avant-jazz con Mats Gustafsson e Paal Nilssen-Love) è semplicemente la cosa più lontana si possa concepire dall’originale, e comunque un pezzone della stramadonna. Il disco lo aspetto col cazzo in mano. Steso in mezzo a una strada. Coi celerini che caricano, e hanno pure le loro buone ragioni insomma.

Questa voce è stata pubblicata in FOTTA. Contrassegna il permalink.

Un pensiero su “Scusa se ti chiamo amore.

  1. Pingback: DISCO DELL’ANNO 2014 | BASTONATE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...